Il Progetto

Turismo videoludico, un’opportunità per il territorio

L’Italian Videogame Program si pone come progetto trasversale in comunicazione con le realtà che operano sul territorio. L’obiettivo è valorizzare il materiale già prodotto, la mappatura preesistente, e valutarne il potenziale videoludico; allo stesso tempo, arricchire la mappatura del territorio con dati inediti e maggiormente adatti ai mondi virtuali: architetture interessanti e videoludicamente scenografiche, situazioni urbanistiche ottimali per mondi open world, città e luoghi particolarmente evocativi per il target di riferimento.

L’Italia, col suo patrimonio storico e iconografico, si presta a essere set videoludico di prim’ordine. I videogiochi conservano una loro peculiarità: il gameplay non può prescindere dallo spazio virtuale. Lo scenario è motore dell’azione, ne definisce confini e potenziale. Alcuni luoghi si prestano più di altri a fare da sfondo alla narrazione videoludica: borghi antichi, edifici abbandonati, ville storiche, monumenti. Il folclore locale, che mescola storia e leggenda, può valorizzare ulteriormente le specificità regionali.

L’IVIPRO è un progetto di raccordo doppiamente direzionato: raccolta dei dati territoriali, da una parte, e dialogo costante con le case di produzione per capirne le esigenze, conoscere i nuovi progetti, suggerire percorsi e fornire contenuti ad hoc, che confluiranno nel database dedicato (presto disponibile).

La ricchezza del Paese, tuttavia, risiede anche nelle persone che lo vivono. La salvaguardia della memoria passa attraverso la raccolta delle testimonianze e dei racconti di coloro che hanno vissuto importanti momenti storici in prima persona. L’IVIPRO raccoglierà le testimonianze dei cittadini per arricchire ulteriormente il database. Una fonte in più a disposizione di editori e sviluppatori.

Obiettivi dell’IVIPRO:

  1. Diventare utile strumento sia per le istituzioni, nell’ottica di una possibile committenza, sia per gli sviluppatori ed editori, stranieri e non, interessati a fare del nostro territorio lo scenario dei propri giochi
  2. Agevolare la produzione di titoli ambientati in Italia o legati al patrimonio storico e culturale italiano
  3. Arricchire la mappatura del territorio in chiave videoludica in collaborazione con le Regioni, gli enti locali e le Film Commission