Monteriggioni e Assassin’s Creed II, otto anni dopo

IVIPRO ha intervistato Alberto Coco, direttore marketing di Ubisoft Italia, e Raffaella Senesi, sindaco del Comune di Monteriggioni. A otto anni di distanza dalla pubblicazione di Assassin’s Creed II emergono dati interessanti sull’impatto che il gioco ha avuto sul borgo toscano.

“Era già sera e buio quando il team di canadesi di Montréal passò con il pulmino sotto la rocca di Monteriggioni. La pioggia li aveva colti all’uscita di Roma e li aveva accompagnati lungo tutto il tragitto, ma lì, proprio lì sotto Monteriggioni, la pioggia si era trasformata in un diluvio che rendeva difficile proseguire. Fu per questo che il team, tra cui c’era il direttore creativo Patrice Désilets e Corey May, lo sceneggiatore, si ritrovò a Monteriggioni. Videro le mura che cingevano il paese come una corona, le torri, il borgo e se ne innamorarono”. Leggi l’articolo, a cura di Andrea Dresseno e Daniele Barresi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *